Tradizione, qualità
e passione dal 1948

Da oltre settant’anni siamo l’atelier del confetto e delle praline.

Professionalità, cura artigianale e ricerca della perfezione hanno reso Antonio Maria Arbues un’azienda leader nella confetteria artigianale apprezzata in Italia e nel mondo.

Artigianalità e innovazione per un sapore inconfondibile
L’unione di tradizione, ricerca e sperimentazione mette in risalto tutta la bontà dei nostri prodotti. Nascono così i nostri confetti, che rispondono alle tendenze in evoluzione del mercato, ma che rispettano i valori fondanti dell’azienda: qualità, artigianalità e innovazione.
Materie prime di eccellenza per un prodotto esclusivo
Grazie ad una selezione accurata di ingredienti ricercati, soprattutto di origine italiana e pugliese, la lavorazione dei nostri confetti e praline è delicata e realizzata con passione e cura per una resa massima, gustosa e intensa allo stesso tempo.
Confetti e praline per i tuoi eventi speciali
I confetti e le praline Antonio Maria Arbues non sono soltanto i protagonisti delle cerimonie tradizionali, come i matrimoni, i battesimi o le comunioni, ma anche dolci buonissimi che fanno la differenza in ogni occasione di festa e di incontro.

I più scelti

  • Cuordifrutta mirtillo 700gr

    Valutato 0 su 5
    29.40
    LO VOGLIO
  • Perle di cocco 500gr

    Valutato 0 su 5
    19.00
    LO VOGLIO
  • Scatola degustazione confetti 400gr

    Valutato 0 su 5
    34.00
    LO VOGLIO
  • Choccomandorla incartato rosso 400gr

    Valutato 0 su 5
    14.80
    LO VOGLIO
  • Vassoio praline 300gr

    Valutato 0 su 5
    21.00
    LO VOGLIO
  • Segnaposto monoconfetto croccantino tattoo 80pz

    Valutato 0 su 5
    160.00
    LO VOGLIO

Confetti nascita

Confetti matrimonio

Confetti laurea

Personalizza la tua scatola

Divertiti a creare la tua scatola. Regala a te o a chi ami un ricco e goloso assortimento di confetti e praline.

Vuoi una confezione regalo?

Giorgia Piccinni

I confetti erano talmente buoni che gli invitati, a distanza di giorni dal matrimonio, ancora mi chiedono se ne è rimasto qualcuno